Blundering boffins

Blundering boffins exposed

last updated on October, the 25th. 2015

Segregation Metal System S.r.l. Roma

Home     

TWIST-OFF, page 1     

TWIST-OFF, page 2     

S.M.S.     

E.D.O.     

Forum

Venetian lagoon to get remediated by electrolysis?

Genius

There is no evidence that Fabrizio Tamburini holds any suitable academic qualification that can justify his recent appointment as a full professor at the University of Nova Gorica for teaching anything in the context of courses for the international doctorate "ECONOMICS AND TECHNIQUES FOR THE CONSERVATION OF THE ARCHITECTURAL AND ENVIRONMENTAL HERITAGE" and even less, as we understand, he is qualified to deal with the subject of electromagnetic pollution, something which, to that end, appears to be out of place altogether. However, this is what he states in his own press release..

Antonino Abrami, IEAS, SEJF, Venezia

On the other hand, we know for sure that Fabrizio Tamburini has established quite a close collaboration with one of the former teachers at the aforementioned university, namely Antonino Abrami, a former judge.

Antonino Abrami, with no scientific background, is the president of the "Supranational environmental justice foundation" (SEJF) - its name alone is itself a whole program... - He is also the founder and president vicar of the "International Academy of Environmental Sciences" (IEAS), professor emeritus at the University of Nova Gorica and the one in charge for the coordination and the development at the "Environment, heritage, health and justice Center", he is the first to have hold a chair in environmental european law within the "Jean Monnet Project" at the University of Urbino and he his, also, the author of several publications among which the "Storia, scienza e diritto comunitario dell'ambiente". - All these informations come from material published on the Internet by the very same previosly named organizations, which do seems to be too self-referential. Quite a different thing, however, is what you can found out about them all from institutional sources... More on this, in the italian version of this page.

With regard to the I.A.E.S., we notice the presence of Fabrizio Tamburini in its new Board of Directors.

As far as we know, Tamburini and Abrami have no particular scientific knowledge of chemistry, nevertheless, according to the italian Office for the patents and trade marks' data base, they have jointly filed a few industrial patent applications, but
only for some of them have managed to get a patent. Now, leaving aside comments on the actual quality and originality of what they have got patented, we wish to point out how the very same named "inventors", wasting no time, and have transferred the ownership of their patents rights over to a new purposefully created limited liability company, namely the SEGREGATION METAL SYSTEM S.r.l., with head office in an apartment at 64, Via Andrea Doria - ROMA (RM) - 00192, of which the same Fabrizio Tamburini happens to be a founding partner.

Subsequently, the SEGREGATION METAL SYSTEM S.r.l. has also started seeking patent protection for their "idea" at international level, filing patent applications both at the USPTO and at the WIPO. All these paper works are quite expensive exercises and we find no novelty in what theiy are trying to get patented, instead, chances are that their applications will get rejected alltogether by both the USPTO and the WIPO, this has prompted us to get suspicious about those filings and we fear that they are simply attempting to blowing smoke in the eyes so to create some kind of backgrounds for forthcoming manouvres. - Having bad thoughts about someone is a sin, but, often it turns out you've guessed it right!

Recently, SEGREGATION METAL SYSTEM Srl full patent application papers have become due for publication by the
USPTO and the WIPO

By comparing the "SEGREGATION OF METAL SYSTEM S.R.L." company objectives as described in the public registry of italian firms: "la Societa' ha per oggetto lo studio, la ricerca (anche in ambito universitario e post-universitario), lo sviluppo, la realizzazione e la commercializzazione di sistemi tecnologici di cattura dei metalli per la depurazione di acque, con applicazioni in acquicultura e/o in altri sistemi di disinquinamento (es. nel procedimento della pirolisi ovvero altri sistemi) per la tutela della salute dell'uomo, della madre terra e dei suoi ecosistemi. La Societa', per il raggiungimento dell'oggetto sociale, potra' compiere tutte le operazioni commerciali, industriali e immobiliari ed inoltre potra' compiere, in via non prevalente e del tutto accessoria e strumentale e comunque con espressa esclusione di qualsiasi attivita' svolta nei confronti del pubblico, operazioni finanziarie e mobiliari, concedere fidejussioni, avalli, cauzioni e garanzie in genere anche a favore di terzi nonche' assumere, solo a scopo di stabile investimento e non di collocamento, sia direttamente che indirettamente, partecipazioni in societa' italiane ed estere aventi oggetto analogo, affine o connesso al proprio", with the forewords Fabrizio Tamburini ed Antonino Abrami have given in their patent applications and more specifically with the claim they made have made in their application filed at the WIPO : "It has thus been demonstrated that in current society for many years, there has been a need to find global systems that are applicable on a large scale to reduce the pollution of our planet's water and food.
A general purpose of the present invention is therefore to at least partially overcome the problems indicated above and/or to at least partially satisfy the quoted needs"
, it is all too clear that the Gentlemen involved have sought to create the conditions to come up with another great "Tamburinata": electrolysis as the global solution to pollution.

Most probably, if we had not revealed it, Tamburini and his associates, in a future not too far from now, would have proclaimed wanting to remediate the venetian lagoon through electrolysis.

This time round, it would have not been yet another mighty fiasco by Tamburini & Co., but a well plotted media stunt. Quite a folly in terms of implementation, if nothing else, because of the amount of energy required, which reflects the style of "the big lie", while pursuing totally different aims...

OLAF european anti fraud office

Blundering boffins exposed discussion board

Following the success of our initiative, we have decided to open up a discussion board on this same web site.

Click here to jump to our discussion board page

Please, help us to spread the word. Link to us!

blundering.boffins@gmail.com

pretura di venezia, procura di venezia, tribunale di venezia, vittorio sgarbi condannato per falso e truffa ai danni dello stato l'onorevole vittorio sgarbi e' stato condannato a 6 mesi, 10 giorni e 700 mila lire di multa per essersi assentato illecitamente dal lavoro alla sovrintendenza. assolto il medico che ha firmato i certificati pubblicato, 1 luglio 1994, corriere della sera pagina 13 - sei mesi, dieci giorni e 700 mila lire di multa per essersi assentato illecitamente dal lavoro alla sovrintendenza, assolto il medico che ha firmato i certificati titolo: la procura di venezia condanna sgarbi per falso e truffa ai danni dello stato. dal nostro corrispondente da venezia. accusato di falso e truffa ai danni dello stato per essersi assentato, a giudizio del pm, arbitrariamente dal suo lavoro alla sovrintendenza ai beni artistici di venezia, il presidente della commissione cultura della camera vittorio sgarbi e' stato condannato ieri dal pretore di venezia antonino abrami a 6 mesi e 10 giorni di reclusione e 700 mila lire di multa con i doppi benefici di legge. il pretore ha riconosciuto sgarbi responsabile di falso e truffa per un periodo di circa cinque mesi fra l' ottobre dell' 89 e il marzo del ' 90, periodo nel quale si era assentato dal lavoro in sovrintendenza ottenendo un' aspettativa per motivi di salute. per altri tre periodi successivi, invece, sgarbi e' stato assolto con motivazioni diverse. assolto anche, perche' il fatto non costituisce reato, andrea zamboni, il medico ferrarese che aveva firmato i certificati con i quali sgarbi aveva giustificato la sua malattia. il pretore ha anche deciso il trasferimento a roma di parte degli atti del procedimento perche' la magistratura della capitale valuti l' opportunita' di procedere nei confronti del direttore generale e di alcuni funzionari del ministero per i beni culturali che avrebbero indotto con consigli e suggerimenti sgarbi a chiedere l' aspettativa a cui non avrebbe avuto diritto. l' accusa era quella di avere ottenuto dal ministero per i beni culturali sette mesi di aspettativa dal suo incarico di funzionario presso la sovrintendenza di venezia, esibendo certificati di malattie ritenute dal pubblico ministero inesistenti. ovviamente con lui sul banco degli imputati e' comparso anche il medico che firmo' quei certificati, andrea zamboni, di rho ferrarese. su quanto e' emerso sulle malattie di sgarbi in pretura a venezia e a margine del procedimento giudiziario c' e' di che scrivere un trattatello: l' onorevole soffre di anemia, di raffreddore cronico, di allergie e di affezioni varie che di fatto gli avrebbero impedito di svolgere il suo lavoro quotidiano nella sovrintendenza a cavallo fra il 1989 e il 1990. quelle malattie pero' . ha osservato il pubblico ministero michele maturi . non impedivano certo a sgarbi in quello stesso periodo di essere gran frequentatore di trasmissioni televisive, diventando quasi un mattatore allo show di maurizio costanzo e aprendosi cosi' la strada verso successivi spettacoli sul piccolo schermo. sgarbi si e' rifatto a proust per difendersi da questa accusa: non e' ferso vero che lo scrittore lavorava solo di notte alla sua "recherche"? ebbene, anche vittorio sgarbi ha il suo momento migliore solo nel tardo pomeriggio e in serata. l' onorevole, poi, non se ne stava con le mani in mano durante l' aspettativa, anzi, lavorava gratuitamente per lo stato. fu proprio in quel periodo, infatti, che realizzo' una completa catalogazione dei beni artistici della provincia di rovigo, apprezzata dagli appassionati d' arte ma criticata dalla responsabile della sovrintendenza di venezia filippa aliberti guadioso in quanto non rispondenti ai criteri usuali di catalogazione richiesti dal ministero. perfino scontata la replica di sgarbi: non si possono porre steccati alla qualita' dell' ingegno, "anche i "promessi sposi" non sono certo uguali all' anonimo manoscritto da cui sono nati". tra stoccate culturali al curaro e quintali di documenti raccolti durante l' inchiesta, il pretore di venezia antonino abrami non ha voluto lasciare al buio nessun lato di questa vicenda e cosi' per due volte nell' ultimo mese aveva rinviato una sentenza che sembrava gia' pronta. dal canto suo il pm michele maturi non aveva mai avuto dubbi sulla colpevolezza di sgarbi e ne aveva chiesto la condanna a sei mesi e quindici giorni di reclusione e un milione e mezzo di multa mentre per zamboni la richiesta era stata di quattro mesi, quindici giorni e un milione di multa. pasqualetto claudio - ci sarebbe non da ridere, ma da piangere. leggete queste parole di seguito: psi, dc, msi, pli, forza italia, lista sgarbi, liberal sgarbi, lista consumatori, udc, pci, partito federalista, pri, forse ne ho dimenticato qualcuno, lui li conosce tutti per averci militato o sostenuto qualche causa anche propria. sgarbi ribadisce la sua libertà da anni, l incapacità di stare dentro i paletti di persone che non di rado ritiene meno intelligenti. sarà, ma da quanto invece mi pare di intuire mi posso sbagliare , una transoceanica simile nell alveo dei partiti italiani e' semplicemente mancanza di serietà, e perdoni il signore-urlante se oggi il nostro paese ne ha bisogno, di serietà, dato che siamo alla frutta anche grazie alle sue invettive poco nobili ed eleganti che ci dona da quando, e altresì molto prima, si indignò perché il pretore di venezia, tale antonino abrami, in data 30 giugno 1994, lo condannò per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello stato (sentenza poi confermata in tutti i gradi di giudizio. vittorio sgarbi ministro della cultura.la serenissima.sgarbi doveva essere espulso dall'amministrazione pubblica. venezia: per il pretore di venezia antonino abrami, vittorio sgarbi, condannato lo scorso 30 giugno a sei mesi e dieci giorni per falso e truffa ai danni dello stato per "assenteismo" come funzionario del ministero dei beni culturali, avrebbe potuto essere dichiarato decaduto dalla pubblica amministrazione. lo sostiene il giudice nella motivazione della sentenza, depositata in cancelleria. dopo aver premesso che sgarbi ha ottenuto la conservazione del posto di lavoro "con condotta sicuramente truffaldina", il pretore scrive che "la pubblica amministrazione, ove avesse ritenuto arbitraria ogni assenza di volta in volta così falsamente giustificata avrebbe potuto e dovuto esercitare ogni atto istituzionalmente previsto in sede di autotutela". "e così - si legge nella motivazione - sicuramente avrebbe potuto sulla base della conoscenza della arbitrarietà e dell' accertamento della stessa attivarsi per far dichiarare decaduto lo sgarbi". in un altro passo della motivazione, il giudice ricorda che l' imputato e' giunto al fine ad affermare: io devo ad andreotti se non sono stato licenziato. 28 settembre 1994 venezia capitale del diritto ambientale i 12 rischi della terra la proposta di antonino abrami, giudice di cassazione la città ospiti il tribunale penale europeo dell ecosistema 22 giugno 2013 venezia capitale del diritto ambientale i 12 rischi della terra venezia. venezia capitale della giustizia ambientale. ieri, nel corso del primo convegno su «ambiente e sicurezza», organizzato dalla fondazione veneziana sejf (supranational environmental justice foundation), il presidente antonino abrami, giudice di cassazione e tra i massimi esperti di ambiente, ha ricandidato venezia come sede del «tribunale penale europeo dell ambiente.. dodici sono per adesso i reati ambientali chiamati «hot spot», ma i danni che il pianeta sta subendo dipendono dal singolo cittadino che può contribuire al benessere globale. «sono maturi i tempi per estendere le competenze della corte penale internazionale dell'aja ai reati ambientali più gravi e per creare un tribunale che si occupi in maniera continua e costante di questi crimini». al convegno, organizzato nella scuola di san giovanni evangelista, hanno partecipato molti studiosi provenienti da tutto il mondo, tra i quali il nobel per la pace adolfo perez esquivel, presidente dell aies (international academy of environmental sciences); l astrofisico veneziano fabrizio tamburini; in video paolo maddalena, vicepresidente emerito della corte costituzionale italiana; daniele grasso in rappresentanza degli avvocati di venezia. «venezia» afferma abrami «diventerebbe la sede fissa con persone competenti che si occupano di questi argomenti come scienziati, avvocati, giuristi ma anche giornalisti e chi si occupa di denunciare questi crimini». dal 2010 abrami sta portando avanti la speranza che nel nostro territorio si radichi un organo composto da personalità che su tutti i fronti possano individuare e analizzare i reati ambientali per sottoporli a dei veri e propri processi. oggi i crimini che non si possono ignorare sono: il riscaldamento globale che minaccia di sommergere le isole maldive e kiribati, lo sfruttamento delle sabbie bituminose ai piedi delle montagne rocciose, il fumo intriso di sostanze pericolose derivato dall estrazione del petrolio nel delta del fiume niger, la deforestazione in indonesia, le conseguenze dell esplosione della centrale nucleare di fukushima in giappone, la marea nera del disastro della piattaforma petrolifera deepwater horizon, l onda di cianuro larga 50 chilometri fuoriuscita dalla miniera d oro esmeralda e sfociata nel fiume danubio, la migrazione di molte popolazioni indigene in ecuador dovute allo sfruttamento del petrolio da parte di multinazionali, la scia di morte che si abbatte ancora su chernobyl, la cosiddetta montagna di piombo in argentina, il caso bhopal in india e, infine, nel mare mediterraneo, lo sversamento di oltre 134 mila tonnellate di petrolio sui fondali del mar ligure nel 1991 che ancora oggi produce effetti negativi nell ecosistema. questi sono dodici giganti, ma il numero di persone coinvolte non ha fine. la necessità di un luogo dove poter denunciare tali crimini si fa sempre più urgente per quelle popolazioni che scompaiono nel silenzio perché non hanno mezzi per far sentire la propria voce. l ultima richiesta al parlamento europeo risale al 29 maggio scorso: «ho proposto continua abrami - di creare una commissione di giuristi e scienziati che possa essere un punto di riferimento per questo tipo di reato». non si tratta quindi solo di un problema tecnologico, ma di una questione che abbraccia tutti i campi del sapere e influisce su tutta la vita umana, come ha ribadito il premio nobel nel suo discorso conclusivo. «sulla terra c e' la sovranità del popolo e non del singolo che, in caso di proprietà privata, ha solo in concessione la gestione di un bene pubblico».le parole, chiare ed incisive, sono di paolo maddalena che sintetizza lo spirito della giornata di ieri quando, senza nessun vincolo di interesse, i relatori hanno mostrato la stato di gravità in cui versa il pianeta. vera mantengoli - ilfattoquotidiano.it emilia romagna ferrara, vittorio sgarbi condannato per diffamazione: offese critico d arteaccusò di incompetenza e plagio italo tomassoni in merito alla valutazione delle opere di gino de dominicis. la sentenza di primo grado ha stabilito che dovrà pagare 20mila euro di multa e altrettanti come provvisionale al diffamato lo accusò di incompetenza, di plagio, di circonvenzione di incapace. quanto basta secondo il tribunale di ferrara per dichiarare in primo grado vittorio sgarbi colpevole di diffamazione aggravata e condannarlo a 20mila euro di multa. più una provvisionale di altri 20mila da versare alla parte civile, l avvocato ed esperto d arte italo tomassoni. entrambi, imputato e persona offesa, si occupavano, per diverse collezioni, della catalogazione e della autenticazione delle opere dell artista gino de dominicis. secondo l ex parlamentare, tomassoni non avrebbe avuto alcuna competenza in materia. di più: secondo sgarbi, ne era nota la predisposizione dilettantesca e la pretesa di un autorità nel riconoscere l autenticità delle opere di de dominicis , un autorità che non gli viene né da studi né da specifiche competenze, e che e' esercitata attraverso il vero e proprio plagio (o circonvenzione di incapace) dell unica incompetente ed inesperta erede di de dominicis, che gli lascia evidentemente, carta bianca . queste le dichiarazioni affidate a un comunicato stampa pubblicato sul quotidiano online notix.it il 9 novembre 2012, a commento del sequestro della procura di perugia di diverse presunte opere di de dominicis, certificate e catalogate dallo stesso sgarbi. sequestro originato da un esposto giunto dalla stessa erede paola de dominicis . e nella nota il critico d arte aggiungeva che lo stato non può compiere errori di tale leggerezza, violando la proprietà privata e chiamando false opere autentiche sulla base del delirio di un esperto, non privo di interessi, fatti passare per ideali e per difesa del diritto d autore . parole poco gradite a tomassoni, che ha coniato assieme a giulio carlo argan la definizione critica di ipermanierismo , curato la 48ª biennale di venezia una retrospettiva proprio sull autore in questione, e' direttore artistico del centro italiano di arte contemporanea di foligno e ha insegnato diritto d autore nell arte contemporanea alla sapienza. la difesa processuale ha chiamato in causa l addetto stampa di vittorio sgarbi, che in dibattimento si e' di fatto assunto la colpa dell accaduto, una sorta di malinteso: trascrisse alcuni sfoghi fatti da sgarbi al telefono immaginando che fossero destinati a un comunicato. giustificazione non sufficiente a convincere il pm filippo di benedetto, che ha chiesto la condanna dell imputato. richiesta accolta dal giudice alessandra testoni. di marco zavagli,1 luglio 2015, alice salvatore m5s lei condannato col vitalizio sgarbi zitta cretina studia capra vittorio sgarbi non accetta le accuse della candidata grillina in liguria, alice salvatore, e sbotta: io condannato per truffa? la truffa l'ha fatta sua madre quando ha fatto lei' e continua: studia sei ignorante come una capra, salame stai zitta, cretina! studia! studia! dica la parola truffa a sua madre che ha fatto la truffa di fare lei! studia, incapace! sei ignorante come una capra! ...come ti permetti di offendere con quelle parole una uno spettacolare litigio e' andato in onda oggi a l aria che tira tra vittorio sgarbi e alice salvatore, candidata del movimento 5 stelle in liguria. la tragedia comincia quando la salvatore annuncia l addio di daniele comandini, che ha ritirato proprio oggi la sua candidatura dopo l accostamento a carmine mafodda. in studio si discute della veridicità dell affermazione della salvatore perché, dicono, non e' possibile ritirare una candidatura a liste già presentate, ma la salvatore gli risponde che comandini ha già firmato le proprie dimissioni in caso di elezione. la candidata grillina poi ricorda l indagine per omicidio colposo nei confronti della paita, candidata pd in liguria, e sgarbi a quel punto le ricorda: «loro hanno il capo del partito condannato per omicidio». il riferimento e' alla condanna per omicidio colposo di beppe grillo per l incidente di limone piemonte (da wikipedia): nel pomeriggio del 7 dicembre 1981 beppe grillo perse il controllo di un fuoristrada chevrolet k5 blazer mentre percorreva la strada militare che da limone piemonte porta sopra il colle di tenda. il veicolo, sei chilometri dopo quota 14003 vicino al confine con la francia, scivolò su un lastrone di ghiaccio e cadde in un burrone profondo ottanta metri. a bordo con grillo c erano quattro suoi amici genovesi, con i quali stava trascorrendo il fine settimana dell immacolata. grillo si salvò gettandosi fuori dall abitacolo prima che l auto cadesse nel vuoto e, contuso e in stato di choc, riuscì a chiamare i soccorsi. tre dei suoi amici rimasti nell auto persero la vita: i coniugi renzo giberti e rossana guastapelle, rispettivamente di 45 e 33 anni, e il loro figlio francesco di 9 anni. il quarto, alberto mambretti, 40 anni, fu ricoverato con prognosi riservata a cuneo. tre settimane dopo l incidente, per grillo scattò l incriminazione per omicidio plurimo colposo. nell ottobre 1982 la perizia ordinata dal giudice istruttore suggerì che grillo era colpevole di non aver fatto scendere i suoi passeggeri prima di affrontare il tratto di strada più pericoloso. per questo il 28 settembre 1983 il comico genovese fu rinviato a giudizio[152]. il processo di primo grado si celebrò a cuneo il 21 marzo 1984[153] e si concluse con l assoluzione di grillo per insufficienza di prove. pubblico ministero e avvocato della difesa fecero, però, ricorso in appello. il primo perché aveva chiesto una condanna a sedici mesi di reclusione, il secondo per avere un assoluzione più ampia. in appello il 14 marzo 1985 grillo fu condannato per omicidio colposo a quattordici mesi di reclusione con il beneficio della condizionale e della non iscrizione[156]. la condanna fu resa definitiva dalla iv sezione penale della corte suprema di cassazione l 8 aprile 1988. sgarbi dice che la salvatore e' «figlia di un assassino». la salvatore ricorda che sgarbi percepisce un vitalizio ed e' «condannato per truffa allo stato», sgarbi risponde che la candidata dice cazzate . quando viene interrotto dalla salvatore se ne esce con uno «stai zitta cretina», e poi rincara la dose: «lo dica a sua madre che ha fatto la truffa di aver fatto lei, ignorante come una capra». una riproduzione del video per chi avesse problemi con i precedenti youtube youreporter condanne giudiziarie: condanna per diffamazione contro caselli e orlando (prescritta in cassazione) condanna per assenteismo e produzione di documenti falsi condanna per diffamazione aggravata contro caselli e il pool di milano condanna civile per ingiurie contro marco travaglio condanna per diffamazione contro roberto reggi condanna per diffamazione contro raffaele tito condanna per ingiuria contro gianfranco amendola condanna per diffamazione contro ilda boccassini (confermata in cassazione) elenco parlamentari condannati in via definitiva massimo maria berruti (deputato fi): 8 mesi definitivi per favoreggiamento nel processo tangenti guardia di finanza. alfredo biondi (deputato fi): 2 mesi patteggiati per evasione fiscale a genova. la sentenza di condanna a suo tempo resa dal tribunale di genova nei confronti di alfredo biondi e' stata revocata in data 28 settembre 2001 per intervenuta abrograzione del reato. vito bonsignore (eurodeputato udc): 2 anni definitivi per tentata corruzione appalto ospedale asti. umberto bossi (eurodeputato e segretario lega nord): 8 mesi definitivi per tangente enimont. giampiero cantoni (senatore fi): come ex presidente della bnl in quota psi, inquisito e arrestato per corruzione, bancarotta fraudolenta e altri reati, ha patteggiato pene per circa 2 anni e risarcito 800 milioni. enzo carra (deputato margherita): 1 anno e 4 mesi definitivi per false dichiarazioni al pm su tangente enimont. paolo cirino pomicino (eurodeputato udeur): 1 anno e 8 mesi definitivi per finanziamento illecito tangente enimont, 2 mesi patteggiati per corruzione per fondi neri eni. marcello dell utri (senatore fi e membro del consiglio d europa): condannato definitivamente a 2 anni per frode fiscale e false fatturazioni a torino (false fatture publitalia); ha patteggiato 6 mesi a milano per altre vicende di false fatture publitalia. antonio del pennino (senatore fi): 2 mesi e 20 giorni patteggiati per finanziamento illecito enimont; 1 anno 8 mesi e 20 giorni patteggiati per i finanziamenti illeciti della metropolitana milanese. gianni de michelis (eurodeputato socialisti uniti per l'europa): 1 anno e 6 mesi patteggiati a milano per corruzione per le tangenti autostradali del veneto; 6 mesi patteggiati per finanziamento illecito enimont. walter de rigo (senatore fi): 1 anno e 4 mesi patteggiati per truffa ai danni del ministero del lavoro e della cee per 474 milioni di lire in cambio di falsi corsi di qualificazione professionale per la sua azienda. gianstefano frigerio (deputato fi): condannato a milano a oltre 6 anni di reclusione definitivi per le tangenti delle discariche (3 anni e 9 mesi, corruzione) e per altri due scandali di tangentopoli (2 anni e 11 mesi per concussione, corruzione, ricettazione e finanziamento illecito). giorgio galvagno (deputato fi): ex sindaco socialista di asti, nel 96 ha patteggiato 6 mesi e 26 giorni di carcere per inquinamento delle falde acquifere, abuso e omissione di atti ufficio, falso ideologico, delitti colposi contro la salute pubblica (per l inquinamento delle falde acquifere) e omessa denuncia dei responsabili della tangentopoli astigiana nello scandalo della discarica di vallemanina e valleandona (smaltimento fuorilegge di rifiuti tossici e nocivi in cambio di tangenti). lino jannuzzi (senatore fi): condannato definitivamente a 2 anni e 4 mesi per diffamazioni varie, e' stato graziato dal capo dello stato proprio mentre stava per finire in carcere. giorgio la malfa (deputato pri, ministro politiche comunitarie): condanna definitiva a 6 mesi e 20 giorni per finanziamento illecito enimont. roberto maroni (deputato lega nord e ministro lavoro): condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni per resistenza a pubblico ufficiale durante la perquisizione della polizia nella sede di via bellerio a milano. augusto rollandin (senatore union valdôtaine-ds): ex presidente della giunta regionale valle d aosta e' stato condannato in via definitiva dalla cassazione nel 94 a 16 mesi di reclusione, 2 milioni di multa e risarcimento dei danni alla regione per abuso d ufficio: favorí una ditta amica nell appalto per la costruzione del compattatore di rifiuti di brissogne. dichiarato decaduto dalla corte d appello di torino, in quanto ineleggibile , nel 2001 si candida al senato con l union valdotaine, i ds e i democratici. vittorio sgarbi (deputato fi): 6 mesi definitivi per truffa aggravata e continuata ai danni dello stato, cioe' del ministero dei beni culturali. rocco salini (gruppo misto) condannato in cassazione a un anno e 4 mesi per falso ideologico. calogero sodano (senatore udc): già sindaco di agrigento, condannato definitivamente a 1 anno e 6 mesi per abuso d ufficio finalizzato a favorire i costruttori abusivi in cambio di favori elettorali. egidio sterpa (deputato fi): condannato a 6 mesi definitivi per tangente enimont. antonio tomassini (senatore fi): medico chirurgo, condannato in via definitiva dalla cassazione a 3 anni per falso. vincenzo visco (deputato ds): condannato definitivamente dalla cassazione nel 2001 per abusivismo edilizio, per via di alcuni ampliamenti illeciti nella sua casa a pantelleria: 10 giorni di arresto e 20 milioni di ammenda. piú l ordine di riduzione in pristino dei luoghi . cioe' la demolizione delle opere abusive. alfredo vito (deputato fi): 2 anni patteggiati e 5 miliardi restituiti per 22 episodi di corruzione a napoli. vittorio sgarbi, equitalia gli pignora parte del vitalizio. lui: «non ne so nulla» ferrara - parte del vitalizio da parlamentare di vittorio sgarbi e' stata pignorata da equitalia per una questione di tasse e irap "non versate". l atto e' stato notificato alla camera dei deputati il 18 febbraio scorso ma si e' saputo solo ieri. la reazione sgarbi ha detto di non saperne nulla: "il vitalizio e' ingiusto, ma lo ricevo e lo devo prendere, e da quando me lo danno va ai miei figli. ne prendo atto, io il vitalizio non lo ho mai visto, non so come e' fatto. parlatene con il mio avvocato". l avvocato, intanto, come riportato da repubblica bologna ha spiegato che si tratta di somme non dovute al fisco, in particolare l irap e che un nuovo pignoramento e' impossibile visto che quel vitalizio venne già pignorato cinque anni fa: "adesso toccherà alla camera opporsi, perché il vitalizio e' già impegnato per gli assegni di mantenimento dei suoi figli ancora minorenni". la città della laguna si candida a diventare la sede del diritto internazionale sull'ambiente. ultima chiamata per una corte contro crimini ambientali oggi al parlamento europeo, anche gorbaciov e morin la storia più recente dell umanità e' macchiata da numerosi crimini contro l ambiente che hanno causato milioni di vittime umane e provocato danni irreversibili agli ecosistemi. crimini rimasti il più delle volte impuniti o per i quali i responsabili hanno pagato risarcimenti irrisori. presso il parlamento europeo, l'ame-die (associazione di ex ministri dell'ambiente di diversi paesi), sostenuta da numerose personalità istituzionali ed associazioni internazionali, si svolge una conferenza per il rilancio dell'istituzione della corte penale europea dell'ambiente e della corte penale internazionale dell'ambiente, alla quale prenderanno parte mikhail gorbaciov e il filosofo edgar morin. si tratta di due importanti progetti di riforma che hanno visto in diversi anni l'impegno della iaes e della fondazione sejf (supranational environmental justice foundation), con significative conferenze e studi promossi a venezia dal professor antonino abrami e dal giudice marie odile bertella-geffroy. la fondazione sejf in particolare sta portando avanti un complesso lavoro legislativo e diplomatico per raggiungere due fondamentali obiettivi. il primo, estendere le competenze della corte penale internazionale dell aja ai più gravi reati ambientali così da poterli giudicare quali crimini contro l umanità; il secondo, istituire il tribunale penale europeo dell'ambiente, in modo da rendere omogeneo il contrasto e l applicazione delle pene sul territorio europeo e, soprattutto, rendere possibile l'applicazione di quelle sanzioni. sejf e' un associazione riconosciuta dal governo italiano, con sede a venezia. nasce per difendere gli ecosistemi minacciati da forme sempre più transnazionali di inquinamento. soci fondatori sono tra gli altri antonino abrami, magistrato di corte di cassazione; paolo maddalena, vice presidente emerito della corte costituzionale; jo leinen, europarlamentare; freddy paul grunert, vice presidente del cetri (centro per la terza rivoluzione industriale); paul garlick, membro del gruppo di esperti ue delle politiche di diritto penali; marie odile bertella geoffroy, vice presidente del tribunal de grande instance di parigi; luca caruti, imprenditore. crimini ambientali, crimini contro l umanità intervista ad antonino abrami da 11 anni la international academy of environmental sciences lavora perche' venga istituito un tribunale penale europeo e per estendere le competenze della corte penale internazionale dell aja ai più gravi reati ambientali così da poterli giudicare quali crimini contro l umanità sullo stesso argomento disastri ambientali: serve un tribunale penale europeo dell ambiente cassazione esclude rilevanza penale della colpa lieve del medico coscienza e stati vegetativi: i progressi dell università della california diagnosi pre-impianto: tribunale di roma applica sentenza di strasburgo golfo del messico: monta la rabbia contro il gigante petrolifero bp. intanto si teme il crollo domani in borsa lav: una taglia sui bracconieri. 2000 euro a chi fornisce informazioni sulla morte dell orso stefano ue: le compagnie aree saranno responsabili per le emissioni di co2 italia multata dall ue per le discariche: 255 ancora illegali scritto da federica di leonardo il 11.02.2014 share on facebook share on twittershare on email share on print more sharing services 7 il 30 gennaio scorso, a bruxelles, per la prima volta un folto gruppo di associazioni si e' riunito in seno alle istituzioni europee per discutere della necessità di un tribunale europeo e di un tribunale internazionale contro i crimini ambientali. l incontro e' un momento importante di un lavoro sviluppato nell arco di 10 anni dalla international academy of environmental sciences (iaes), affiancata poi dalla fondazione sejf (supranational environmental justice foundation) e dall associazione ame die l associazione di ex ministri dell ambiente di diversi paesi. dall incontro, cui hanno partecipato anche edgar morin e mikhail gorbachev, e' scaturita una carta nella quale, a partire da premesse condivise, si giunge alla necessità di una autorità superiore che sia in grado di garantire la punibilità dei crimini ambientali in tutto il pianeta. gaianews.it ha intervistato il professor antonino abrami, vice presidente iaes. un'immagine dell'iniziativa della iaes del 30 gennaio scorso domanda: dottor abrami, i vostri obiettivi sono sostanzialmente due, estendere le competenze della corte penale internazionale dell aja ai più gravi reati ambientali così da poterli giudicare quali crimini contro l umanità e istituire il tribunale penale europeo dell ambiente, in modo da rendere omogeneo il contrasto e l applicazione delle pene sul territorio europeo e render possibile l applicazione di quelle sanzioni. lei stesso, in una sua dichiarazione, ha detto: dalla giornata di oggi, visto anche l alto livello delle personalità intervenute, scaturisce l emergenza di una vera riforma di democrazia e di civiltà, ormai nella coscienza dei popoli, ancor prima che nelle scelte politiche delle istituzioni . secondo lei l europa e il pianeta, sono pronti davvero a questo passo? e già avvenuta questa riforma della coscienza de popoli? . antonino abrami: la rivoluzione delle coscienze potrebbe sembrare questione solo sociologica o sociopolitica, ma invece e' molto importante. e chiaro che il livello di sensibilità ai danni ambientali di una grande comunità o di un popolo che e' colpito direttamente da un disastro ambientale, dall inquinamento, con effetti molto gravi sull ambiente e sulla salute, e' molto alto perché il problema lo si avverte sulla propria pelle. quando noi riusciremo a far comprendere ai politici che si occupano di ambiente che cosa significa vivere sulla propria pelle un disastro ambientale, a quel punto avremo un livello di coscienza che potrà produrre degli effetti rivoluzionari. lo stabilimento ilva a taranto d: qual e' il bilancio della giornata al parlamento europeo? a. a.: lavoriamo a questa iniziativa dal 2003 e abbiamo alle nostre spalle 11 anni di storia e iniziative che finalmente hanno prodotto dei risultati importanti. il bilancio della giornata di ieri e' positivo e andrà sicuramente meglio quando riusciremo a fare un nuovo passo in avanti concretamente. a differenza di altri esempi in cui si e' parlato di ambiente, magari anche a sproposito, in questo caso noi abbiamo un preciso progetto politico-culturale e giuridico. questa volta non si e' avuto soltanto un confronto a livello istituzionale, ma in seno all unione europea c e' stato un confronto fra tante associazioni e fondazioni che da anni si occupano di questo: si può parlare di un movimento internazionale, ormai planetario. al parlamento europeo siamo riusciti a mettere attorno ad un tavolo giuristi, magistrati, scienziati, avvocati e cittadini per capire che e' arrivato il momento di agire. abbiamo poi votato una carta all unanimità e questo e' un grande risultato. e nata da un confronto ripetuto con tutte le associazioni in riunioni nelle quali si e' discussa a lungo ogni parola. la carta non rappresenta però un passo definitivo, ma apre ad un nuovo inizio: l apertura di una campagna presso l onu per richiedere la modifica dello statuto di roma che vada a inserire nella competenze della corte dell aja il disastro ambientale come crimine contro l umanità. la città di pripyat, abbandonata dpo il disastro di chernobyl. la centrale e' visibile in lontananza d: come procederete ora? a. a.: ora e' importante portare avanti due aspetti: realizzare una sorta di atlante delle urgenze ambientali del pianeta per capire quali siano le priorità: i criteri sono i danni alla salute delle persone, i danni alla qualità della vita, dell aria, il diritto alla vita stessa, in alcuni casi. l altro e' quello di nominare, e questo dovrebbe essere fatto dall unione europea o dall onu, degli esperti giuristi, chimici, biochimici, giornalisti, medici, che dovranno creare uno statuto della corte. potrebbero inoltre esserci altre iniziative per gravi fatti di inquinamento. siamo stati, infatti, contattati da grandi associazioni per sollecitare ulteriori iniziative. potrebbe essere che faremo denunce o che ci costituiremo parte civile. sono passi molto delicati e i nostri esperti (magistrati, ex magistrati e professori universitari) valuteranno se ci sono gli estremi per questo o quell azione. la novità e' che si comincia a creare un rapporto con altre associazioni, anche importanti. d: perché e' necessario creare questi due tribunali? le norme attuali non sono sufficienti? a. a.: l unione europea, con una direttiva, ha uniformato tutti i reati penali in tutti i paesi. ma altra cosa e' come si fa rispettare la norma penale. le faccio un esempio: in occasione del disastro di aurul, in romania, sono stati accertati dei reati, ma sono state applicate poco e male le sanzioni penali, peraltro irrisorie. molto spesso la norma non e' sufficiente a causa di condizionamenti politici, culturali ed economici che impediscono l applicazione della legge. per questo noi chiediamo che gli esperti creino un elenco delle tipologie di reato e uno statuto della corte penale europea per l ambiente per andare poi andiamo avanti in questa direzione, perché sarebbe un grande passo verso la creazione di una corte penale internazionale per l ambiente. io diffido di chi dice che sono cose che non si faranno mai: la stessa cosa si diceva della corte penale internazionale dell aja. un immagine del disastro di aurul d: nel corso di più di dieci anni avrà incontrato delle difficoltà e forse avrà visto cambiare qualcosa& a. a.: un vecchio proverbio indiano dice che chi ha capito e non fa nulla, non ha capito nulla . la nostra storia ci ha insegnato che si sono sempre mossi singoli parlamentari di tutte le provenienze, ma sempre in maniera disorganica. l iniziativa non e' mai stata di un partito, di un gruppo, e questa resta una grande criticità. d: cosa pensa della green economy? in italia se ne parla come volano per il rilancio economico. a.a.: per gli industriali l ambiente e' sempre stato considerato come un nemico. ma questo non e' vero. non investire per essere sostenibili a livello ambientale comporta tanti rischi, come la chiusura dello stabilimento, un danno all immagine, oltre alle multe. si può produrre meno, ma meglio e questo cambia il senso della concorrenza perché le persone adesso sono più informate sulle caratteristiche delle aziende delle quali acquistano i prodotti. naturalmente, dobbiamo dotarci dei necessari controlli, per stabilire chi fa le cose e chi non le fa, chi rispetta la legge e chi no. altrimenti poi ci ritroviamo a ricorrere agli aiuti a catena. la consulta ha pronunciato la seguente sentenza corte costituzionale nel giudizio per conflitto di attribuzione tra poteri dello stato sorto a seguito della delibera della camera dei deputati del 30 settembre 1998 relativa alla insindacabilita' delle opinioni espresse dall'on. vittorio sgarbi nei confronti del dott. antonio abrami, promosso con ricorso del tribunale di roma notificato il 26 luglio 1999, depositato in cancelleria il 2 agosto 1999 ed iscritto al n. 26 del registro conflitti 1999; visto l'atto di costituzione della camera dei deputati; udito nell'udienza pubblica del 22 febbraio 2000 il giudice relatore fernando santosuosso; udito l'avvocato giuseppe abbamonte per la camera dei deputati. ritenuto in fatto 1. - nel corso di un procedimento penale a carico dell'on. vittorio sgarbi, imputato del reato di diffamazione per le dichiarazioni rilasciate nei confronti del dott. antonio abrami, pretore di venezia, il tribunale di roma, con ordinanza del 1o dicembre 1998, ha sollevato conflitto di attribuzione nei confronti della camera dei deputati, in relazione alla delibera del 30 settembre 1998 con la quale quest'ultima ha dichiarato che le suddette opinioni sono da ritenersi espresse nell'esercizio delle funzioni di parlamentare, e quindi coperte da insindacabilita' ai sensi dell'art. 68, primo comma, della costituzione. il tribunale ricorrente osserva che la camera, senza alcuna motivazione, ha contraddetto il parere espresso dalla giunta per le autorizzazioni a procedere, che aveva invece proposto di escludere l'insindacabilita' in conseguenza del carattere prettamente personale della polemica intercorsa tra l'on. sgarbi ed il pretore abrami. nel caso specifico, il deputato aveva usato espressioni ritenute diffamatorie nei confronti di detto giudice a causa di una sentenza penale di condanna da quest'ultimo emessa nei suoi confronti. da cio' consegue, secondo il ricorrente, che tali dichiarazioni (tra le quali: "quel pretore e' un ignorante, un provocatore, 186 pagine di delirio giuridico. abrami dovrebbe tornare in terza elementare."), profferite in ambito estraneo al parlamento, debbono ritenersi null'altro che una questione personale, alla quale non puo' ricollegarsi in alcun modo l'esercizio delle funzioni di deputato. osserva peraltro il tribunale che la delibera di insindacabilita', benche' illegittima, conserva comunque la sua efficacia e preclude al giudice di merito di formulare una qualsivoglia pronuncia senza aver prima sollevato il conflitto di attribuzione. pertanto, il tribunale di roma ha denunziato lo scorretto uso del potere della camera nell'accertare la sussistenza dei presupposti di applicabilita' dell'art. 68, primo comma, della costituzione nei confronti dell'on. sgarbi. 2. - con ordinanza n. 363 del 22 luglio 1999 la corte costituzionale ha dichiarato ammissibile il conflitto in parola, assegnando al tribunale di roma il termine di sessanta giorni per la notifica del provvedimento alla camera dei deputati. il ricorrente ha effettuato la notifica il 26 luglio ed ha quindi depositato il ricorso notificato, presso la cancelleria della corte costituzionale, il 2 agosto 1999. 3. - costituendosi in giudizio, la camera dei deputati ha chiesto che la corte costituzionale rigetti il ricorso per conflitto di attribuzione proposto dal tribunale di roma, annullando gli atti compiuti dall'autorita' giudiziaria. in una successiva memoria difensiva depositata nell'imminenza dell'udienza pubblica di discussione, la camera ha concluso per l'inammissibilita' e, in subordine, per il rigetto del ricorso stesso. essa sottolinea che la deliberazione oggetto del conflitto non sarebbe immotivata, dovendosi ricercare le ragioni di essa nel dibattito che l'ha preceduta, dal quale emergerebbe anche il nesso delle opinioni espresse dall'on. sgarbi con le funzioni parlamentari. secondo la difesa della camera, occorrerebbe prendere le mosse dall'eccessiva ampiezza della sentenza emessa dal dott. abrami e dall'estraneita' del suo contenuto rispetto al fatto oggetto del giudizio penale, costituito da presunte assenze dall'ufficio e dalle relative false certificazioni mediche. tale abnorme dilatazione della motivazione avrebbe investito l'intera esistenza dell'on. sgarbi, con indagini sulla sua vita, sulle sue ricerche e sulla sua produzione scientifica. e tutto cio' solo perche' si giudicava per il reato di diffamazione un noto parlamentare, critico e studioso d'arte. ci si troverebbe dunque, ad avviso della camera, di fronte ad una "motivazione politica", che rappresenterebbe un'indebita fuoriuscita dalle attribuzioni dell'autorita' giurisdizionale: al che avrebbe legittimamente reagito l'on. sgarbi, denunciando, attraverso la critica della motivazione e del suo estensore, una palese disfunzione giudiziaria; denuncia che rientrerebbe nell'esercizio del mandato politico di parlamentare, con la conseguente applicabilita' dell'art. 68 della costituzione. su tale fondamentale aspetto del conflitto di attribuzione non avrebbe preso posizione il tribunale di roma, omettendo l'esame della situazione venutasi a creare con la sentenza del pretore. il ricorso risulterebbe, quindi, inammissibile per difetto di motivazione, ai sensi dell'art. 16 delle norme integrative per i giudizi davanti alla corte costituzionale. 4. - in ogni caso, il ricorso sarebbe infondato anche nel merito: la camera sostiene che verrebbe qui in discussione "non solo una disfunzione, ma un eccesso della funzione giudiziaria, che non si vede come possa sottrarsi alla valutazione del parlamento, per stabilire se e come sia stata invasa l'area della personalita' e della liberta' di apprezzamento che la qualifica di parlamentare comporta. cio' specie in presenza dell'eccesso qualitativo e dimensionale dell'accertamento in cui la funzione giudiziaria si e' espressa in concreto". ne' l'invasione della sfera e della personalita' del politico sarebbe dequalificata dalla forma dell'atto giudiziario in cui si sarebbe concretata, perche' la motivazione della sentenza pretorile non troverebbe "alcuna base nelle norme e nei fatti che avrebbero dovuto esserne il supporto, eccedendo manifestamente i limiti segnati dalla contestazione e dall'art. 424 c.p.p.". si conclude, pertanto, nel senso che la delibera di insindacabilita' della camera sostanzialmente rivendicherebbe al parlamentare "la liberta', propria di ogni soggetto di diritto, da giudizi che non rientrino nel valore legalita'-giurisdizione", menzionato e tutelato anche nella sentenza n. 11 del 2000 della corte costituzionale. infatti, la motivazione della sentenza del pretore di venezia sarebbe "invasiva della personalita' del parlamentare e della sua reputazione", intaccando cosi' anche la credibilita' dell'esercizio del mandato politico e, con esso, dell'apporto del singolo parlamentare alla funzione della camera cui appartiene. considerato in diritto 1. - il tribunale di roma, con ordinanza del 1o dicembre 1998, ha sollevato conflitto di attribuzione, per menomazione, nei confronti della camera dei deputati, in relazione alla delibera del 30 settembre 1998 con la quale quest'ultima ha dichiarato che le opinioni formulate dall'on. vittorio sgarbi nei riguardi del pretore di venezia, dott. antonio abrami, sono da ritenersi espresse nell'esercizio delle funzioni di parlamentare, ai sensi dell'art. 68, primo comma, della costituzione. 2. - deve essere innanzitutto confermata l'ammissibilita', sotto i profili sia soggettivo che oggettivo, del conflitto di attribuzione in esame, gia' dichiarata da questa corte, in sede di sommaria delibazione, con l'ordinanza n. 363 del 1999. la forma dell'ordinanza, utilizzata per la proposizione del conflitto, non comporta l'irricevibilita', in quanto l'atto possiede tutti i requisiti stabiliti dagli artt. 37 della legge n. 87 del 1953 e 26 delle norme integrative per i giudizi davanti alla corte costituzionale ed e' quindi idoneo a conseguire lo scopo cui e' preordinato, consentendo la valida instaurazione del contraddittorio (cfr. le sentenze n. 10, 11, 56 e 58 del 2000). il ricorso risulta, inoltre, sufficientemente motivato ai sensi dell'art. 16 delle predette norme integrative, non essendo necessario, nell'ambito del presente conflitto, che esso valuti le caratteristiche della sentenza emessa dal giudice abrami, per le ragioni che si esporranno. 3. - nel merito il ricorso e' fondato. il conflitto di attribuzione in esame trae origine da alcune dichiarazioni, asseritamente diffamatorie, rese dal deputato sgarbi ad organi di stampa e ad emittenti televisive nei riguardi del dott. abrami, dichiarazioni che formano oggetto di giudizio penale davanti al tribunale di roma. la giurisprudenza costituzionale ha precisato che questa corte ha il compito di verificare, in un conflitto per menomazione, se dal potere esercitato dalla camera di appartenenza in base all'art. 68, primo comma, della costituzione sia derivata o meno la lamentata, illegittima interferenza nella sfera di attribuzione dell'autorita' giudiziaria ricorrente. in particolare - trattandosi, nella specie, di opinioni espresse al di fuori del parlamento - deve accertarsi se esista il nesso funzionale con le attivita' parlamentari. tale nesso consiste non gia' in una semplice forma di collegamento - di argomento o di contesto - fra attivita' parlamentare e dichiarazioni, ma piu' precisamente nella "identificabilita' della dichiarazione stessa quale espressione di attivita' parlamentare" (sentenze n. 10 e n. 58 del 2000): occorre, quindi, che nell'opinione manifestata all'esterno "sia riscontrabile una corrispondenza sostanziale di contenuti con l'atto parlamentare, non essendo sufficiente a questo riguardo una mera comunanza di tematiche" (sentenza n. 11 del 2000). non e' percio' coperta da insindacabilita' quella opinione che non sia collegata da nesso con l'esercizio delle funzioni parlamentari, ancorche' riguardi temi al centro di un dibattito politico e parlamentare (sentenza n. 56 del 2000). 4. - in questo senso, nella vicenda in esame, si era pronunciata la giunta per le autorizzazioni a procedere della camera dei deputati, la quale aveva proposto di dichiarare che le opinioni in questione non erano state espresse nell'esercizio delle funzioni parlamentari, poiche' "la polemica iniziata dal deputato sgarbi aveva un carattere prettamente privato e personale". ma tale proposta e' stata respinta dall'assemblea, nella seduta del 30 settembre 1998, dopo un dibattito in cui sono state, peraltro, esplicitate dagli intervenienti le argomentazioni contrarie, riconducibili alla convinzione che la pur vivace reazione dell'on. sgarbi alla sentenza di condanna emessa dal giudice abrami derivasse non tanto dal suo coinvolgimento personale, quanto dall'esercizio del diritto di critica del modo di svolgimento della funzione giudiziaria. su tale aspetto insiste anche la difesa della camera, secondo cui l'on. sgarbi avrebbe legittimamente reagito ad una palese ed indebita fuoriuscita del pretore dalle sue attribuzioni denunciando, attraverso la critica della motivazione e del suo estensore, detta esorbitanza dalle funzioni giudiziarie, invasiva della liberta' e personalita' del deputato. tale denuncia, secondo la difesa, rientrerebbe nei diritti del parlamentare nell'esercizio del suo mandato politico, con la copertura della insindacabilita' garantita dall'art. 68, primo comma, della costituzione. in proposito deve, anzitutto, precisarsi che il presente conflitto non si incentra sulla giustificatezza o meno della reazione del parlamentare ad una asserita invasione della sua liberta' attraverso l'eccedenza del comportamento del pretore dalle attribuzioni giurisdizionali (cio' che forma o puo' formare oggetto di altri giudizi). il conflitto, invece, e' sorto e si svolge unicamente tra il tribunale di roma, che intende esercitare le sue funzioni nel giudicare sull'imputazione di diffamazione, e la camera, che oppone alla prosecuzione di tale giudizio l'insindacabilita' delle opinioni espresse dal parlamentare in quanto connesse all'esercizio del suo mandato. con stretto riguardo, allora, alla verifica dell'esistenza di questo nesso funzionale - a prescindere dalla valutazione se le predette dichiarazioni del deputato, anche per il linguaggio non consentito nemmeno in parlamento, consistano unicamente in mere offese personali - e' sufficiente e decisivo rilevare che le stesse, rese fuori delle camere, non riproducono ne' divulgano il contenuto di alcuno specifico atto di natura parlamentare, cosicche' non sono identificabili come espressione dell'attivita' del deputato, ma semmai di critica politica. delle ragioni che possano eventualmente giustificare quelle dichiarazioni potra' e dovra', dunque, conoscere l'autorita' giudiziaria, con le cui attribuzioni ha interferito la camera dei deputati ravvisando inesattamente il nesso funzionale di quelle opinioni con l'attivita' parlamentare. la deliberazione di insindacabilita' adottata da quest'ultima deve, quindi, essere annullata.